LA MASTOPESSI


page14_1


La Mastopessi è un intevento che si effettua per risollevare un seno cadente. Il seno può essere più o meno svuotato come dopo una gravidanza, dopo un'eccessiva perdita di peso, o per invecchiamento precoce.

Mastopessi

Con l'intervento di mastopessi la ghiandola mammaria viene riposizionata nella sede originaria e modellata, e la cute in eccesso viene asportata.
Nei casi in cui alla ptosi (abbassamento dei seni, seni cadenti) si associ anche un'ipotrofia dei seni (volume eccessivamente piccolo del seno), oltre alla mastopessi si può associare l’inserimento di una protesi (generalmente di piccolo volume): In tal caso si parlerà di mastopessi con
mastoplastica additiva.


TECNICA OPERATORIA

Nell'intervento di mastopessi si procede come per la mastoplastica riduttiva, ma non viene asportato tessuto ghiandolare che viene invece tutto conservato e modellato con incisioni e suture interne, pertanto saranno presenti le cicatrici intorno all’areola, la cicatrice verticale che va dall’areola al solco sottomammario e, se necessario ci sarà anche una piccola cicatrice nel solco sottomammario. L’eccesso di cute viene quindi eliminato.

Se la ptosi non è eccessiva si può correggere lasciando soltanto una cicatrice circolare intorno all’areola. 

Prima dell'intervento di mastopessi
Nelle pazienti giovani è richiesta un’ecografia, mentre sopra i 35-40 anni è necessaria la mammografia pre-operatoria, in aggiunta ai normali esami preoperatori.

Si richiede l’acquisto di un reggiseno modellante della taglia stabilita, da indossare dopo l’intervento di mastopessi e per le settimane successive.

I farmaci contenenti acido acetilsalicilico e gli antinfiammatori devono essere sospesi 14 giorni prima.
 
Periodo post-operatorio

Il reggiseno contentivo va indossato per tre settimane giorno e notte e quindi di giorno per altre due settimane; in seguito si consiglia di indossare sempre il reggiseno, soprattutto durante gli esercizi fisici.